Acido Bromico

Generalmente, l’acido bromico viene utilizzato per ottenere composti chimici per coloranti e prodotti farmaceutici, essendo un acido ossidante derivato dal bromo, i suoi esteri bromati sono potenti agenti ossidanti, che vengono utilizzati anche per produrre miscele contenenti artefatti pirotecnici.

Conosciuto anche come bromuro di idrogeno, ha una struttura molecolare composta da bromo, ossigeno e idrogeno, ottenuta dalla reazione di un bromato con un sale di bario disciolto in acqua e precipitato con acido solforico.

Proprietà dell’acido bromico.

Proprietà dellacido bromico

L’acido bromuromo esiste solo in soluzione acquosa, presentando un aspetto incolore che diventa giallastro quando il bromo si decompone a contatto con l’aria. Questo composto, con un peso molecolare di 128,91 g/mol, ha la particolarità di essere instabile, disintegrandosi facilmente ad alte temperature, formando così, a contatto con etanolo o etere, l’acido acetico.

Inoltre, essendo un acido molto forte, non può essere miscelato in soluzioni concentrate con altri componenti, perché tende a rispondere violentemente, ed essendo un ossidante vigoroso di carbonati e metalli, dà origine ad una grande varietà di esteri o bromati.

Tutte queste caratteristiche rendono l’acido brómico estremamente pericoloso per la salute umana, in questo senso, in caso di contatto con la pelle o gli occhi, può causare ustioni e irritazioni, e la sovraesposizione può causare danni ai polmoni, asfissia, perdita di coscienza o morte.

Applicazioni dell’acido bromico.

L’acido bromuromo viene solitamente utilizzato nei laboratori per produrre composti chimici come iodati, acido clorico o acido tetraionico, così come esteri come il bromuro di ferro, piombo, manganese, mercurio, potassio o sodio, che hanno l’uso finale di servire per lo sviluppo di neutralizzanti applicati nelle tinture permanenti e per capelli o per la tintura dei tessuti.

Analogamente, questo acido è uno dei reagenti utilizzati nel processo Belousov-Zhabotinsky, che misura l’equilibrio termodinamico di una serie di sostanze chimiche, che insieme danno origine ad altri prodotti. A questo proposito, in questo meccanismo, la catalisi viene eseguita mediante ossidazione di bromati, acido malonico e ioni cerio.

Altre applicazioni di bromati fino alla fine del ventesimo secolo, sono stati a maturare la farina durante il periodo di macinazione, trattare l’orzo nella produzione di birra, e anche fare paste di pesce, tuttavia, questi usi sono stati vietati a causa del forte sospetto che ha suscitato l’acido brómico come agente cancerogeno per l’uomo.