Acido Formico

Uno dei più semplici acidi organici esistenti, che possiamo trovare in alcuni insetti e piante, è l’acido formico.

Conosciuto anche come acido metanoico, è costituito da un atomo di carbonio collegato a due molecole di idrogeno e due molecole di ossigeno.

Questo acido appartenente al gruppo carbossilico, fu isolato per la prima volta nel 1671, dal naturista inglese John Ray.

Ray è riuscito a distillare l’acido formico schiacciando le formiche rosse, da qui il suo nome dal latino formica che significa formica.

Sebbene la prima sintesi artificiale di questo composto organico sia stata raggiunta nel 1831, trent’anni dopo, il chimico francese Marcelin Berthelot ha ottenuto la riproduzione sintetica che viene utilizzata oggi.

I derivati dell’acido formico, detto anche acido metanoico, sono conosciuti con il nome di formiato, e possono essere ferro, mercurio, sodio, cocaina.

Proprietà dell’acido formico.

Le caratteristiche distintive dell’acido formico sono:

  • È un liquido da fumo incolore, con un odore irritante simile all’aceto, con un peso molecolare di 46 g/mol.
  • Completamente solubile in acqua, etere o alcool grazie alla sua breve catena di carbonato.
  • Pur essendo un acido naturale relativamente forte, si corrode facilmente sotto l’azione di lievi ossidanti.
  • Si decompone se riscaldato intensamente e a contatto con acidi forti produce monossido di carbonio.
  • Reagisce violentemente con basi e acidi forti, creando un rischio di incendio o esplosione.
  • Distruggere alcune materie plastiche e metalli.
  • Può essere ottenuto con un gran numero di metodi di sintesi organica e come sottoprodotto di altri.
  • La sostanza è molto corrosiva per gli occhi, la pelle e le vie respiratorie, con conseguente acidosi ed edema polmonare.

Dove l’acido formico si trova nella sua forma naturale.

Come accennato all’inizio, l’acido metanoico è una sostanza posseduta da alcuni insetti e piante, come ad esempio:

Formiche.

acido formico nella sua forma naturale. formiche

L’acido formico è usato dalle formiche come meccanismo difensivo, producendo prurito e dolore quando ci mordono.

Anche se un morso di formica non costituisce un pericolo per l’uomo, soffrire molti di loro può causare una reazione allergica.

Il morso di una formica rossa provoca anche gonfiore, arrossamento della pelle e prurito.

 

Questi insetti hanno un morso acido, perché il veleno chiamato apitossina, tra gli altri componenti, ha acido formico.

Pertanto, la puntura di un’ape produce una reazione più estesa di quella di una formica e può essere neutralizzata applicando ammoniaca.

Ortica.

acido formico nella sua forma naturale. ortica

Tra le varie specie di piante con acido formico, troviamo l’ortica, che produce orticaria semplicemente toccandola.

Si caratterizza perché i suoi steli e le sue foglie sono coperti di peli formati da questo composto, e a contatto con la pelle vengono iniettati in esso.

Batteri del gruppo enterico.

acido formico nella sua forma naturale. batteri.

Essendo microrganismi che abitano l’intestino di animali e persone, hanno la proprietà di produrre acido formico.

Di solito causano malattie, la più frequente è la samonella o l’intossicazione alimentare.

In tutti questi casi, le persone allergiche a questo composto organico sviluppano conseguenze più gravi e persino la morte per shock anafilattico.

Secondo questo, lo stato allergico della persona raggiunge uno stato che causa l’arresto cardiorespiratorio.

Quali sono le applicazioni dell’acido formico?

Attualmente, l’acido metanoico è ottenuto per sintesi di monossido di carbonio ed è utilizzato nelle seguenti industrie:

Prodotti farmaceutici.

Utilizzato nella produzione di farmaci per eliminare verruche, calli e irregolarità cutanee causate da HPV.

In questo caso, l’acido penetra nel tessuto, asciugando l’irregolarità, che con il passare dei giorni finisce per cadere.

applicazioni di acido formico. pelle.

Viene utilizzato per sgrassare e rimuovere i peli dalle pelli, anche come additivo chimico per la concia.

applicazioni di acido formico. bestiame

Applicato nei mangimi perché il suo marcato effetto antimicrobico è in grado di prevenire la crescita di batteri patogeni.

Petrolio e gas.

Applicazioni di acido formico, petrolio e gasifera.

Utilizzato nei fluidi per stimolare la perforazione di pozzi di petrolio o gas ad alte temperature, ottimizzando e riducendo la corrosione.

Apicoltura.

applicazioni di acido formico. apicoltura

Nel trattamento di un tipo di acaro chiamato varroa, prevenendo la produzione di miele viene contaminato e perso.

applicazioni di acido formico. acquacoltura.

Ad integrazione della dieta dei gamberetti, che permette di ridurre gli scoppi di vibriosi luminosa, una malattia che colpisce questa specie marina.

Nella sintesi di prodotti biologici e come catalizzatore nella produzione di formiti.

applicazioni di acido formico. altri usi

Come acidificante del lattice nella produzione di gomma, e nell’industria dei pesticidi viene utilizzato nella produzione di fumiganti e insetticidi.

Viene utilizzato anche come disinfettante nella pulizia acida, per la lavorazione dell’acciaio e della pasta di legno durante la fabbricazione della carta.

Destinato come perseverante nell’industria alimentare, e conservante nella produzione di vino e birra.

I più recenti progressi tecnologici sono riusciti a sostituire le attuali batterie dei telefoni cellulari o dei computer portatili con celle a combustibile realizzate con acido formico.

Acido Formico
4.7 (93.33%) 3 vote[s]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here